Imparare il controllo di gestione da solo

Pubblicato il Pubblicato in Contabilità analitica e controllo di gestione

Vuoi imparare il controllo di gestione da solo? Per fare controllo nella tua azienda o per relazionarti, al meglio, con il tuo consulente.

 

Controllo di gestione per tutti

Sei hai la terza media o sei biologo molecolare, oppure se i tuoi ricordi scolastici della ragioneria o dell’università sono nebulosi, questo post è per te.

Per imparare il controllo di gestione occorrono quattro cose:
– curiosità
– pazienza
– capacità analitica
– qualcuno che ve la faccia breve e facile

Scarica il pdf allegato e studiatelo oppure mettiti alla ricerca di altro materiale breve e ben scritto come questo).
Analisi dei costi 03.11.2014 Dott.ssa Ricco

Preso da:(https://web.uniroma1.it/deap/sites/default/files/allegati/Analisi%20dei%20costi%2003.11.2014%20Dott.ssa%20Ricco.pdf)

Studiato? (non letto). Adesso hai le basi. Se le vuoi approfondire continua come ti suggerisco di seguito.

 

Controllo di gestione, casi pratici

Se vuoi approfondire e avere una preparazione professionale continua come ti suggerisco di seguito. Studia i libri che indico qui, nell’ordine in cui te li riporto.

Una precisazione: se sei a zero (o anche no), corsi o master di taglio operativo ti aiuteranno molto. Nulla può sostituire l’esperienza sul campo dei docenti e di alcuni discenti, però se non hai tempo o possibilità, quelle che seguono sono delle ottime indicazioni.

Se non hai una formazione contabile di base dovrai acquisirla con un manuale di ragioneria generale studiato molto bene e dopo aver fatto esercizi sulla partita doppia e sulla redazione del bilancio.

 

Percorso formativo. Bibliografia di riferimento

– Impara excel e access a livello avanzato con qualsiasi manuale o risorsa in rete (per gestire al meglio grandi quantità di dati e produrre reportistica).
– Un qualsiasi manuale di Ragioneria Generale delle scuole superiori (perché le basi della contabilità le devi conoscere).
– “Analisi di Bilancio con Excel” di Roberto Candidotto, Apogeo Editore
– “La statistica per risolvere i problemi aziendali” di Terry Dickey, FrancoAngeli
– “La statistica aziendale. Guida pratica alla preparazione e impiego” di Santino Furlan e Gaetano Pregheffi
(perché le base della statistica descrittiva devi conoscerla).

Se non trovi questi testi di statistica ripiega su un sunto di statistica descrittiva ma non è la stessa cosa. Cerca manuali o risorse dove le nozioni sono contestualizzate a problemi aziendali.

– “Il Controllo di gestione” di Giuseppe Lo Martire, FrancoAngeli
– “Corso base controllo di gestione” di Walter Caputo, Finanze & Lavoro
– “La moderna contabilità industriale” di Santino Furlan, FrancoAngeli (un classico anche se vecchiotto)

In alternativa al precedente di Santino Furlan, (anche se Furlan, secondo me, non si batte):
– “Compendio di programmazione e controllo di gestione”, AA.VV., Edizioni Simone.

Una spolverata di matematica finanziaria su interesse, montante, valore attuale, discounted cash flow e affini ci vuole. Puoi prendere varie fonti anche in rete in base ai programmi dell’istituto tecnico.
– “La gestione finanziaria col personal computer: i flussi di cassa. Metodologia generale ed applicativa” di Felice Alori, FrancoAngeli. Si tratta di un manuale di tesoreria aziendale ma è un’edizione un po’ vecchiotta. Se lo trovi è meglio perché è di taglio estremamente operativo.

Finanza aziendale e dintorni non ce li facciamo mancare:
– “Excel per il Controllo di Gestione” Gianclaudio Floria, Tecniche Nuove (seconda parte).
– “Elementi di Finanza Aziendale” Edizioni Simone.

Per la parte pratica potete esercitarvi o studiare bene direttamente i casi più complessi sul manuale:
– “Casi ed esercizi di Controllo di Gestione” Il Sole24 ore Sistema Frizzera.
– “Excel per il Controllo di Gestione” Gianclaudio Floria, Tecniche Nuoveper avere esempi e modelli già pronti e personalizzabili.

E poi, naturalmente tutti gli articolo di questo Blog.

Dopo studiato tutto (non letto) puoi leggere e studiare qualsiasi testo, post, articolo più specifico su problematiche settoriali di controllo di gestione. Metti in cantiere un impegno di almeno 600-800 ore di studio ed esercitazione.

Imparare il controllo di gestione richiede tempo ed esperienza. Ci sarebbero naturalmente anche altri argomenti e libri ma, nel contesto italiano, spesso le aziende non superano i 50 addetti e la formazione che ho proposto è adeguata a queste realtà.

Inoltre quella consigliata è una preparazione generale, valida per tutte le aziende di qualsiasi settore. La formazione specialistica dipende poi dall’esperienza che una persona fa (o non fa).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *